The Swell Season: quando film e musica si fondono (ancora una volta) – (import. da sneakapeakblog)

Molti sostengono che il film-documentario The Swell Season, diretto da Nick August-Perna, Chris Dapkins e Carlo Mirabella-Davis, parli prima di tutto della fine della relazione tra Glen Hansard e Marketa Irglova, i componenti del duo da cui prende il nome il film – oltre che da un romanzo di Josef Skvorecky.
Il film racconta anche questo, ma in realtà c’è molto di più.

Senza dubbio, l’interpretazione più immediata di The Swell Season è un parallelismo tra la storia romantica che ci presenta Once (vincitore del Premio Oscar per la miglior colonna sonora nel 2008), e il suo sviluppo nella realtà. Chiunque abbia visto il film non avrà certo difficoltà a ricordare la storia d’amore incompiuta tra il Ragazzo (Glen Hansard) e la Ragazza (Marketa Irglova), raccontata attraverso le loro canzoni. I due si sono innamorati anche nella vita reale e hanno intrapreso insieme il tour europeo come coppia, oltre che come musicisti dello stesso gruppo. Probabilmente chi ha sperato in un seguito di Once, della serie “…e vissero felici e contenti”, sarà rimasto un po’ deluso dalla realtà, ma lasciamoci consolare dal fatto che, nonostante tutto, i due sono ancora molto uniti.

E questo era lo strato superficiale di ciò che troviamo nel documentario.

I due musicisti si raccontano in modi diversi durante il periodo successivo alla vittoria dell’Oscar.

Lui si trova a suo agio con le attenzioni degli ammiratori, e sembra convivere pacificamente con il successo. Infatti, all’inizio del film dice “It’s a great life we have, isn’it?”.
Lei, che nel giro di due anni ha visto la sua vita completamente cambiata, non si ritiene una celebrità ed evita quando possibile le foto con i fan.

Glen viene descritto da uno dei suoi colleghi come “tough as nails”, duro come una roccia, ma questa è solo l’apparenza. Ci viene presentato come un uomo costantemente combattuto, diviso tra il suo passato, il ricordo del padre, diventato alcolista (“He drunk himself to death” dice Hansard) in seguito a decisioni che l’hanno portato ad abbandonare i suoi sogni; l’euforia e le emozioni della madre, eccitata per la fama del figlio e ossessionata dalla fugacità del successo; i suoi dubbi sull’importanza dell’essere notati e ricordati, e trova un punto fisso in Marketa (“If you’re miserable, I’ll fall apart”).

Lei, invece, guarda sempre avanti, come la Ragazza interpretata in Once. Vuole essere una donna decisa, padrona di sé stessa, in grado di prendere le proprie decisioni e di trovare la sua identità musicale. Racconta che all’inizio della carriera, quando era ancora inesperta, si affidava completamente alle decisioni di Glen, ma questo atteggiamento fa parte del passato.
Adesso sembra che, in seguito all’uscita del suo album da solista e il tour insieme a Hansard, sia riuscita a trovare il suo equilibrio con il successo.

The Swell Season è anche la cronaca delle loro “fatiche” quotidiane durante la tournée europea, una raccolta di ricordi, storie e testimonianze, non necessariamente in ordine cronologico (la crescita della barba di Glen funge quasi da cartina al tornasole). 

Parte integrante del documentario, girato in un nostalgico bianco e nero, sono le canzoni che, come in Once, approfondiscono, colorano e argomentano le informazioni che ci vengono accennate dai protagonisti. A partire dall’appassionata Finally, passando per Falling Slowly e la tradizionale Shamrock Shore, fino alla chiusura con Say it to me now e la pacata Fantasy Man (e tanti altri brani), veniamo trasportati nelle loro storie e nelle loro vite.

Lascia un commento

Archiviato in Movies

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...